Implementa UI++ nel tuo ambiente CM

<img style="”float:" right;” src="”https://www.recastsoftware.com/wp-content/uploads/2021/10/Recast-Logo-Dark_Horizontal.svg”" alt="&quot;Immagine&quot;" height="”43″" width="”150″">

UI++

In questo post, implementeremo UI++ nel nostro ambiente CM. Passeremo attraverso il download, apportando alcune modifiche di base e il branding. Ma prima di addentrarci in questo, cos'è UI++? Vediamo cosa ha da dire il creatore:

Panoramica

UI++ è uno strumento dinamico di generazione dell'interfaccia utente (UI). UI++ visualizza le informazioni all'utente interattivo, richiede l'input dall'utente interattivo e quindi esegue azioni in base all'input e alle selezioni dell'utente, inclusa la compilazione delle variabili della sequenza di attività durante la distribuzione del sistema operativo (OSD) di System Center Configuration Manager (ConfigMgr). UI++ funziona anche al di fuori delle sequenze di attività perché, in sostanza, UI++ è semplicemente un framework dell'interfaccia utente generico. È ancora fantastico durante le sequenze di attività, ma non è certo limitato a loro.

Quasi ogni aspetto di UI++ è personalizzabile, incluso il numero di finestre di dialogo, colori, icone e il testo esatto da visualizzare: tutto ciò che viene mostrato dipende da te. Esempi di informazioni comunemente richieste dagli utenti includono il nome del sistema, l'unità aziendale, l'utente principale, il fuso orario, l'unità organizzativa e la selezione dell'applicazione.

Dimostrazione

Il piano che abbiamo è di esaminare una completa implementazione di alcune nozioni di base. Può fare di più di quello che ti mostreremo? Sì, sì può! Più lo usiamo, più apprendiamo su cosa si può fare e, con la quantità di campioni nella documentazione, è facile iniziare a costruirlo e renderlo tuo. Una cosa, non stiamo usando UI++ per scegliere il software, abbiamo alcune applicazioni principali che tutti ottengono, quindi tutto il resto si basa sull'appartenenza al gruppo AD, motivo per cui sto usando UI++ per impostare l'utente principale. Il punto è che puoi popolare UI++ con le applicazioni che vorresti avere l'opzione di rendere disponibili e puoi persino impostare regole per averle abilitate o disabilitate per impostazione predefinita.

Scarica

Prima di tutto, devi ottenerlo, scaricare il file ZIP dal link sopra, SBLOCCARE il file zip dopo averlo scaricato, estrarre e creare un pacchetto.
Contenuto del file zip:
Interfaccia utente 00

Nella cartella X64, la mia fonte ha questo aspetto dopo aver aggiunto il mio file .ico e copiato UI++.xml dalla cartella principale:
Interfaccia utente 01

Pacchetto CM (nessun programma, solo contenuto):
Interfaccia utente 02

Quindi scelgo di usarlo nella sequenza di attività come passaggio, invece di un comando di preavvio. Come mai? Non mi piace dover modificare le mie immagini di avvio o mantenerne separate per scopi diversi. Tuttavia, ci sono buoni motivi per incorporarlo nell'immagine di avvio, come la possibilità di far sì che UI++ attivi diverse sequenze di attività. Potresti letteralmente creare un menu a discesa di diverse sequenze di attività in UI++, quindi fare in modo che UI++ le attivi, o in base a diverse domande che poni al "Tech", sceglierebbe il TS corretto per lo scenario, senza mai mostrare al Tech quale TS è stava per correre. Se sei interessato a una demo su quell'idea, fammi sapere.

Nella sequenza di attività:
Interfaccia utente 03

Ora puoi vedere, sto solo chiamando il file exe, puoi diventare più creativo, avere diversi file XML, usare le variabili per eseguire il comando in modo diverso, come potresti avere esperienze UI++ completamente diverse in base al dispositivo su cui è in esecuzione, ecc. Puoi anche conservare l'XML su un server web, quindi se ti ritrovi ad aggiornarlo regolarmente e non vuoi continuare ad aggiornare il pacchetto, questa è un'opzione.

Documentazione

La documentazione può sembrare un po' opprimente, lo ammetto, all'inizio ho aperto il PDF di quasi 100 pagine, ero tipo... è troppo difficile andare avanti. Ma poi mi sono fermato a leggerlo davvero, e mi sono consolato. Sono un ragazzo che impara facendo, e il PDF aveva diversi esempi, che mi hanno aiutato molto.

Oltre al PDF, il sito Web ha una struttura ben strutturata Sezione della documentazione di tipo "wiki"..

XML – Opzioni funzionali

Spezzerò l'XML in un paio di elementi, uno per la funzionalità che sarebbe dove creerai le variabili che guideranno la sequenza di attività e l'altro, Branding, più in basso nella pagina. Ho trovato più semplice prendere l'XML fornito, quindi prendere gli elementi dai campioni e inserirli dove volevo, quindi eliminare le cose extra che non volevo.

Il mio XML che ho usato per la demo su GitHub

Il mio obiettivo era realizzare diverse cose.

  • Autenticazione, solo gli utenti specificati possono eseguire OSD
  • Visualizza un messaggio personalizzato
  • Imposta il nome del computer (o mantieni lo stesso se era un sistema noto)
  • Scegli la versione Windows 10, es: 1909 / 20H2
  • Possibilità di impostare CM Client su Debug Logging (per test e risoluzione dei problemi)
  • Possibilità di utilizzare o meno Bitlocker
  • Possibilità di impostare l'utente del dispositivo principale
  • Possibilità di impostare un IP statico
  • Possibilità di impostare l'unità organizzativa in base alla posizione

Sentivo che era un obiettivo fattibile per un primo tentativo con UI++.

Inizierò a mostrare frammenti di XML, consiglio di aprire l'XML predefinito fornito e di esaminarlo prima per acquisire familiarità.

Autenticazione

Integrato è un processo di autenticazione e puoi sfruttare un gruppo AD per controllare chi può eseguire l'interfaccia utente++ Riferimento documento – Autenticazione

Utente non nel Gruppo:
UI 04a

Altrimenti, continuerà automaticamente quando inserisci i crediti approvati.
Interfaccia utente 04

<Action Type="UserAuth" Title="User Authentication" Domain="corp.viamonstra.com" MaxRetryCount="5" Group="CM-OSD-UI" GetGroups="True"/>

Messaggio personalizzato

Questa sarà una schermata iniziale che presenta informazioni a chiunque stia eseguendo la sequenza di attività. Sei in grado di sfruttare i tag HTML per realizzare la tua formattazione. Riferimento documento – Formattazione del testo

    <action type="Info" name="myInfo" title="Benvenuto %XAuthenticatedUser%">
      <![CDATA[<b>Recast Software - ConfigMgr Docs</b><br> <br>docs.recastsoftware.com<br><br>Demo of UI++, which includes:<br> - All of the power of UI++ 1.0 combined with UI App Tree!<br> - It's UI, <b>interactive </b>, evolved, and customized.<br> <br> Time Taken to Download, read documentation, customize and implement, about 4 hours.]]>
    </action>

Interfaccia utente 05

Impostazione del nome del computer Rilascio e registrazione del sistema operativo

Questa finestra di dialogo ha alcuni elementi e, ora che ci penso, probabilmente riorganizzerei questo XML e in seguito inserirei il nome del computer con la richiesta di posizione che imposta l'unità organizzativa AD... vabbè.

Qui ce l'ho che ti consente di impostare il nome, ma verrà impostato automaticamente sul valore nella variabile TS "_SMSTSMachineName", conferma anche che è compreso tra 3 e 15 caratteri.

Volevo quindi avere un modo semplice per distribuire diverse versioni di Windows 10, quindi ho creato un menu a discesa, ma l'impostazione predefinita è 20H2

Interfaccia utente 06

Volevo anche avere un'opzione per fare in modo che TS creasse una registrazione aggiuntiva e impostasse il client CM in una registrazione dettagliata, quindi ho ritenuto che una casella di controllo fosse un modo semplice per creare una variabile, che controllerà i passaggi nel TS per fare quelle cose.

Interfaccia utente 07

Noterai in una "Azione", sta creando la pagina di input con cui è possibile interagire, che crea una variabile "interna" quindi tag "Azione" aggiuntivi per creare le variabili della sequenza di attività corrispondenti.

    <]{3,15}" Variable="ZZComputerName" Question="Nome per questo sistema" Default="%_SMSTSMachineName%"/>  "%ZZNomeComputer%" "%ZZBuildType%"

Il modo in cui le variabili vengono quindi sfruttate, l'OSDBuildType che scegli consentirà al TS di sapere quale passaggio Apply OS eseguire:
Interfaccia utente 12

Un'altra cosa su UI++, se scaricherà anche tutte le variabili "interne" come variabili della sequenza di attività, quindi anche se non sto creando specificamente una variabile della sequenza di attività per la registrazione Extra, posso sfruttare quella predefinita creata da UI++:

Interfaccia utente 13

Dipende dalle tue preferenze personali come vuoi creare e sfruttare le variabili.

Impostazione dell'utente principale del dispositivo

L'impostazione dell'utente principale del dispositivo è essenziale per passare dalle implementazioni basate su macchina a quelle basate sull'utente, qual è il sogno, giusto? Si si lo è. In questo prossimo "Input", ho rubato il codice XML direttamente dall'XML predefinito. Ho quindi aggiornato l'XML per aggiungere "predefiniti" per ogni menu a discesa. Quando un utente interagisce con la finestra di dialogo, in base all'output delle caselle a discesa scelte dall'utente, creerà finestre di dialogo aggiuntive richiedendo all'account utente le informazioni sull'UDA e sull'indirizzo IP per un IP statico o lo salterà.

Interfaccia utente 08

Sto impostando qui l'utente che ora diventerà l'utente primario associato alla macchina in ConfigMgr.
Interfaccia utente 09

Questo farà leva sulla variabile: SMSTSUDA Utenti

Ulteriori informazioni sull'impostazione dell'utente del dispositivo primario (UDA)

Supporto di avvio:
Interfaccia utente 14
PXE DP:
Interfaccia utente 15

Impostazione dell'unità organizzativa di Active Directory

L'ultima cosa che volevamo fare era essere in grado di impostare l'unità organizzativa in cui il computer era stato sottoposto a imaging. Ora devi assicurarti che il tuo account di aggiunta al dominio disponga dei diritti su ciascuna di queste unità organizzative

Interfaccia utente 10

Ho un semplice menu a discesa che imposterà un valore e ho impostato Minneapolis come predefinito, poiché la maggior parte dei nostri utenti si trova nell'ufficio di Minneapolis.

    "LDAP://OU=Minneapolis,OU=Workstations,OU=RECAST,DC=corp,DC=viamonstra,DC=com"' "LDAP://OU=Ottawa,OU=Workstations,OU=RECAST,DC=corp,DC=viamonstra,DC=com"'  "LDAP://OU=Workstation,OU=RECAST,DC=corp,DC=viamonstra,DC=com"'  "LDAP://OU=Workstation,OU=RECAST,DC=corp,DC=viamonstra,DC=com"'"LDAP://OU=Workstation,OU=RECAST,DC=corp,DC=viamonstra,DC=com"' 

Dopo che il tecnico ha scelto, l'XML imposterà il OSDDomainOUName variabile per l'unità organizzativa che desidero in base al valore del menu a discesa.

XML – Opzioni di branding

Va bene, questa è la parte divertente, puoi giocare con i colori e il tuo logo aziendale. Sentiti libero di collaborare con il tuo dipartimento di marketing o con il gruppo delle risorse umane per ottenere il loro contributo se prevedi che gli utenti finali vedano il processo OSD (reimages sul posto). Durante le reimmagini sul posto, vorresti che fosse completamente silenzioso saltando un front-end, il punto è ancora valido, vorresti che l'OSD abbia un bell'aspetto. Forse avrai un dirigente che romperà il loro computer e dovrà essere ridisegnato "White Glove" di fronte a loro, quanto sarebbe bello avere una soluzione completamente di marca che sembri professionale? Molto bello!

Quindi, per UI++, abbiamo creato un file ICO dal nostro logo utilizzando un convertitore online gratuito, quindi abbiamo ottenuto il codice colore per il nostro colore "grigio scuro".

<UIpp Title="Recast Software" Icon="logo_mark_dark_icon.ico" Color="#1C252C" >

Sì, è così. L'abbiamo puntato sul nostro file .ico, abbiamo impostato il colore e fatto.

Test di guida

Video di YouTube, fai clic per aprire in YouTube:
Interfaccia utente 16

Riepilogo

Siamo MOLTO impressionati dall'interfaccia utente ++. Questo strumento è frenato solo dalla creatività dell'amministratore. Se vuoi fare qualcosa, probabilmente puoi farlo.

Il Documentazione è ben fatto, c'è una grande base di installazione, insieme a un Forum di assistenza. Ci sono molti riferimenti ad esso su Reddit, oltre al creatore Jason Sandys è molto attivo nella comunità e nei forum. Questo è il primo avantreno che esamineremo e sarà difficile da battere.

Circa Recast Software
1 organizzazione su 3 che utilizza Microsoft Configuration Manager si affida a Right Click Tools per far emergere le vulnerabilità e rimediare più rapidamente che mai.
Scarica strumenti gratuiti
Richiedi prezzi

Scopri come Right Click Tools sta cambiando il modo in cui vengono gestiti i sistemi.

Aumenta immediatamente la produttività con la nostra Community Edition limitata e gratuita.

Inizia oggi con Right Click Tools:

Condividi questo:

Supporto

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Contatti

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
it_ITItalian