Gestione della cache

<img style="”float:" right;” src="”https://www.recastsoftware.com/wp-content/uploads/2021/10/Recast-Logo-Dark_Horizontal.svg”" alt="&quot;Immagine&quot;" height="”43″" width="”150″">

Gestione della cache del cliente

In altre sezioni, abbiamo parlato dei diversi contenuti utilizzati da ConfigMgr, ora è il momento di trattare la gestione della cache del client. Come gestisci la dimensione della cache del cliente, come controlli cosa c'è dentro, per quanto tempo è lì e quando si pulisce? Tratteremo diversi aspetti della cache, oltre a una linea di base ConfigMgr per aiutare a gestire quella cache.

  • Impostazione della dimensione della cache durante l'OSD | Installazione del cliente
  • Impostazione della dimensione della cache con una politica delle impostazioni del client ConfigMgr
  • Impostazione dinamica della dimensione della cache con una linea di base ConfigMgr
  • Utilizzo di Recast Software Right Click Tools per la correzione della cache del client

Impostazione della dimensione della cache durante l'OSD | Installazione del cliente

Questo è un modo semplice per impostare la dimensione della cache dall'inizio della vita del client CM. Questo dovrebbe essere sfruttato poiché anche durante l'OSD, puoi facilmente superare il limite predefinito di 5 GB di cache impostato dal client. Ogni ambiente dovrà determinare quale dimensione è la migliore, ma abbiamo riscontrato che 25 GB sono una buona dimensione minima della cache.

Esistono diversi argomenti della riga di comando per controllare la cache CM, ben documentati sul MS Doc Site

Puoi mantenerlo abbastanza semplice impostando la dimensione della cache su un numero statico o sfruttando alcuni flag e diventa creativo.
Esempi:

    1. Imposta la cache CM su 25 GB: CCMSetup.exe SMSCACHESIZE=25600
    1. Imposta la cache CM su 50% della dimensione totale del disco: CCMSetup.exe SMSCACHEFLAGS=PERCENTDISKSPACE;COMPRESS SMSCACHESIZE=50

Esempio 1 in ST)
Cache 01

Esempio 2 in Servizi terminal e dopo la distribuzione)
Cache 05
Cache 04

Impostazione della dimensione della cache con una politica delle impostazioni del client ConfigMgr

Questo è un modo semplice per portare tutti i tuoi dispositivi a una dimensione della cache aggiornata o configurare alcune impostazioni client diverse e distribuire su diversi gruppi di computer in base alle dimensioni delle unità. Questa impostazione verrà applicata e se la modifichi su un endpoint durante la risoluzione dei problemi, al successivo aggiornamento dei criteri, verrà ripristinata l'impostazione dei criteri, che può essere sia buona che cattiva.

Esempio di impostazioni cache client nell'impostazione predefinita:
Cache 02
Come appare sull'endpoint:
Cache 03

Impostazione dinamica della dimensione della cache con una linea di base ConfigMgr

Gli scenari precedenti copriranno la maggior parte degli ambienti abbastanza bene, ma se vuoi tenere conto di cose aggiuntive, come un'ampia varietà di dimensioni del disco, spazio libero e sfruttare lo stesso processo per pulire la cache, allora una linea di base è la strada da percorrere.

Obiettivi: ospitare qualsiasi dimensione del disco, essere un buon amministratore dello spazio che stiamo utilizzando e mantenere in ordine la cache. Ciò significava impostare una dimensione minima della cache, che abbiamo impostato su 25 GB, indipendentemente dalla dimensione del disco e un massimo di 50 GB, altrimenti abbiamo utilizzato 10% della dimensione del disco.
Ora che abbiamo determinato la dimensione della cache, come la monitoriamo e la puliamo? È qui che abbiamo regole aggiuntive basate sullo spazio libero. Se lo spazio libero di un dispositivo fosse insufficiente, puliremmo più elementi dalla cache. Idealmente avremmo lasciato più contenuto possibile nella cache, in modo da "riservare" quello spazio come "nostro", ma se la macchina si stava esaurendo, non volevamo essere puntati le dita del team.

Come accennato in altri argomenti di questa sezione, in CM sono disponibili diversi tipi di contenuto. Abbiamo assegnato a contenuti diversi priorità diverse nel nostro processo di toelettatura. La prima cosa sul ceppo sono i contenuti di Windows Update, dopo che le app e i pacchetti sono stati cancellati in base all'età. Puliamo anche eventuali duplicati (versioni precedenti dello stesso elemento di contenuto).

Linea di base:
Cache 06

La linea di base registra ciò che sta facendo e acquisisce informazioni sulla cache e inserisce nel registro per la capacità di raccogliere con l'inventario hardware per la segnalazione.

Registro e registro
Cache 08
Dopo aver eseguito un lavoro Pre-Cache di 20H2, che include diversi elementi:
cache 09

I risultati mostrano che gli elementi nella cache sono passati da 20 a 23 e la dimensione della cache utilizzata è passata da 2 GB a 7 GB.

La linea di base offre flessibilità e report per la risoluzione dei problemi.

Script su GitHub
Esporta da CM su GitHub

Gestione della cache del client: correzione della cache Right Click Tools e ConfigMgr

Se stai cercando ulteriore aiuto con la gestione della cache del client, puoi rivolgerti a Right Click Tools per assistenza. Non incollerò tutte le immagini e le informazioni qui, ma per maggiori dettagli per vedere come funzionano gli strumenti, controlla i link:

Circa Recast Software
1 organizzazione su 3 che utilizza Microsoft Configuration Manager si affida a Right Click Tools per far emergere le vulnerabilità e rimediare più rapidamente che mai.
Scarica strumenti gratuiti
Richiedi prezzi

Scopri come Right Click Tools sta cambiando il modo in cui vengono gestiti i sistemi.

Aumenta immediatamente la produttività con la nostra Community Edition limitata e gratuita.

Inizia oggi con Right Click Tools:

Condividi questo:

Supporto

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Contatti

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Inviando questo modulo, comprendi che Recast Software può elaborare i tuoi dati come descritto nel Recast Software politica sulla riservatezza.

it_ITItalian